ultime dal campo

Primo tempo con cuore, poi il black out

Giana Erminio V.Verona 1-1 serie C girone B Daniele Rocco (Giana Erminio)

Sfuma nella ripresa il match point in favore dei Biancazzurri che, con una vittoria nello scontro diretto contro la Virtus Verona, avrebbero avuto 7 punti di vantaggio dall’ultimo posto in classifica, quello che porta alla retrocessione diretta in serie D. Un buon primo tempo chiuso in vantaggio per 1 rete a zero lasciava ampi spazi di ottimismo sul risultato finale, ma la squadra di Gigi Fresco ha dimostrato che la Virtus è viva e non è rassegnata a fare la parte della vittima da sacrificare. Con un ottimo secondo tempo ha rimesso la gara sul binario della parità e ha imbrigliato a dovere la squadra di Albè, che non è riuscita ad esprimere il proprio gioco e si è affidata a dei lanci lunghi dalla difesa per scavalcare il roccioso centrocampo ospite.
Una delusione incredibile, un’occasione gettata al vento e una prestazione opaca e inspiegabile …. i ragazzi di Albè sono sembrati svuotati, scarichi, senza carattere proprio nella partita più determinante della stagione.
La conferma che il girone B della Serie C è un campionato molto equilibrato, dove non esistono squadre imbattibile ma neanche squadre materasso. Sarà una dura lotta, undici partite difficili ed equilibrate dove sarà determinante la condizione fisica e mentale della squadra; l’infortunio muscolare di Jefferson (si prevede un lungo stop di circa un mese) complica notevolmente i piani di salvezza della Giana Erminio. Con Fabio Perna costretto a giocare tutte le partite senza poter riposare per curarsi adeguatamente, con tutti i guai fisici che lo perseguitano da fine novembre, hanno condizionato negativamente le prestazioni del bomber che resta a secco da 8 giornate (ultimo goal su rigore a Pesaro il 26 dicembre 2018).
Il ritorno in panchina di Cesare Albè ha comunque portato una ventata di ottimismo e sei risultati utili consecutivi, ma con una sola vittoria con il Fano e poi 5 pareggi. Quindi un gruppo in salute a cui manca un po di fortuna e qualche episodio a favore ….
Il calcio mercato invernale ha rinforzato la rosa e sono arrivati a Gorgonzola oltre a Jefferson altri 4 giocatori dal Monza con ottime qualità individuali da integrare con il resto del gruppo. Sono arrivati Maicol Origlio, l’esterno sinistro che mancava, molto bravo nel proporsi in attacco, Gianluca Barba in mezzo al campo che ricorda vagamente l’indimenticabile Matteo Marotta, molto bravo tecnicamente e in grado di saltare l’uomo con facilità, Luca Giudici esterno di attacco molto simile a Iovine con tanta tecnica e grandi doti in fase di attacco, così come Luca Palesi che in mezzo al campo può dare quel cambio di passo per aprire le difese, dotato di buona tecnica, tanta corsa e in grado anche di difendere adeguatamente. Infine, l’ottimo inserimento in difesa con l’arrivo di Giorgio Gianola che assicura esperienza e solidità al reparto che in queste prime partite ha subito massimo un goal a partita (in totale due reti in 4 partite).
Per tutte queste considerazioni siamo convinti che la strada per la salvezza è meno impervia di quanto si possa pensare, fermo restando che ogni gara sarà difficilissima ed equilibrata e a fare la differenza saranno i dettagli, i piccoli errori o le straordinarie giocate dei singoli.

La Cronaca della gara

Primo tempo 1-0

16’ prima occasione per la Giana, con uno scambio al limite dell’area fra Rocco e Iovine, che serve l’accorrente Barba, il quale conclude alto.
17′ ancora Barba recupera un pallone al limite dell’area e appoggia per Dalla Bona, che da fuori conclude anche lui un po’ troppo alto sopra la traversa.
19’ mischia in area degli ospiti, al termine di un’azione insistita della Giana, che alla fine guadagna un angolo.
20’ botta dal limite di Perico, fermata da Chironi.
22’ la Virtus Verona guadagna una punizione centrale, con Casarotto sul pallone: il suo cross arriva in area, dove Gianola di testa prova ad allontanare ma ci arriva Nolè, che dalla destra prova la rovesciata, ma la palla attraversa tutta l’area e alla fine Iovine spazza via.
28’ punizione per la Giana dai 25 metri con Dalla Bona che conclude direttamente in porta, ma Chironi abbraccia la sfera.
31’ cross di Pinto che viene deviato in corner dalla difesa ospite: angolo calciato da Dalla Bona, dove Perico svetta su tutti, ma gira a lato di poco.
34’ punizione per la Giana dai 25 metri con Dalla Bona, ma il suo cross rasoterra viene respinto dalla difesa veronese.
37’ Iovine sblocca il risultato: in area di rigore aggancia un traversone di Perico dalla destra, vince un contrasto con Pinton e conclude a rete, battendo Chironi.
40’ punizione centrale per la Virtus Verona dai 25 metri: Grbac conclude diretto in porta, chiamando Leoni ad una grande respinta in tuffo, Nolè da distanza ravvicinata prova il tap-in ma spreca calciando alto.
45’ Gandolfo aggancia un cross dalla sinistra e di testa gira sul palo opposto dove Nolè, che era in agguato, non ci arriva di pochissimo.

Secondo tempo

46′ cambio per mister Fresco, con Lavagnoli che rileva Trainotti.
46′ dopo 50 secondi dall’inizio, la Virtus Verona trova il pareggio: cross dalla destra agganciato da Casarotto, che scarta la marcatura di Giudici e incrocia un rasoterra all’angolino basso.
50’ tiro cross di Pinton, sul quale esce Leoni in presa alta.
52’ punizione dal lato corto dell’area destra per la Giana, da dove Dalla Bona calcia in mezzo dove dopo un batti e ribatti la difesa ospite allontana.
56’ angolo per la Giana, Dalla Bona in mezzo, la difesa allontana, Dalla Bona riaggancia e passa a Barba per la conclusione, dove esce coraggiosamente Chironi con un pugno: sugli sviluppi la palla arriva a Perna, che di poco conclude fuori.
59’ doppio cambio per la Giana: fuori Giudici per Lanini e fuori anche Barba per Palesi.
64’, dopo una serie di falli non fischiati da ambo le parti, Iovine si becca un giallo per l’atterramento di Grbac e per la Virtus Verona c’è una punizione centrale dai 22 metri: Nolè calcia sulla barriera.
71’ Giana vicina al raddoppio con Rocco, che aggancia un cross di Lanini dalla sinistra, si gira in mezzo alle marcature strette e conclude di pochissimo alto.
72′ ci prova Palesi dalla distanza, con un tiro di potenza con il quale colpisce una clamorosa traversa.
75’ cambio per mister Fresco, che inserisce Danieli al posto di Grbac.
77’ per la Giana entra Mutton al posto di Dalla Bone, mentre per la Virtus Verona esce Nolè per Fasolo.
80’ mister Fresco è costretto a sostituire l’infortunato Sirignano con Rossi.
83’ la Virtus Verona guadagna il primo corner della gara, che Mutton allontana; sugli sviluppi Gianola salva la porta da un tiro a botta sicura.
85’ mister Albè inserisce Mandelli per Pinto e Capano per Perna.
89’ sale la Virtus Verona e Fasolo da posizione centrale al limite prova la conclusione, di poco oltre l’incrocio.
Nei minuti di recupero è assedio Giana, ma al 48’ c’è una punizione dalla destra per la Virtus Verona: Giorico crossa in area, dove Mandelli devia in corner. Nulla di fatto, Giana e Virtus Verona non si fanno male.

GIANA ERMINIO-VIRTUS VERONA 1-1

Giana Erminio (3-5-2): Leoni, Perico, Gianola, Montesano, Iovine, Dalla Bona (Mutton 32’ st), Pinto (Mandelli 40’ st), Barba (Palesi 14’ st), Giudici (Lanini 14’ st), Rocco, Perna (Capano 40’ st). A disp: Sanchez, Taliento, Bonalumi, Sosio, Seck, Pirola. Allenatore: Cesare Albè

Virtus Verona (3-4-1-2): Chironi, N’ze, Trainotti (Lavagnoli 1’ st), Sirignano (Rossi 35’ st), Onescu, Giorico, Casarotto, Pinton, Grbac (Danieli 29’ st), Nolè (Fasolo 32’ st), Gandolfo. A disp: Sibi, Giacomel, Manarin, Ferrara, Frinzi, Rubbo, Merci, Goh N’Cede. Allenatore: Luigi Fresco

Direttore di gara: Mario Davide Arace di Lugo di Romagna. Assistenti: Alex Cavallina di Parma e Salvatore Emilio Buonocore di Marsala

Marcatori: Iovine 37’, Casarotto 46’
Recupero: 1’ pt, 5’ st
Angoli: 4-2
Ammoniti: Casarotto 33’, Iovine 64’, Sirignano 70’
Espulsi: nessuno
Spettatori: 579 (214 paganti – 234 abbonati).

Primo tempo con cuore, poi il black out ultima modifica: 2019-02-17T16:03:23+00:00 da Francesco Inzitari