L’Albinoleffe vola in semifinale, al Catanzaro ci pensa Gelli

Jacopo Manconi
  • 3 Giugno 2021
  • Redazione
  • 0

Altra prova di carattere dei ragazzi di Marco Zaffaroni che ribaltano i pronostici eliminando il Catanzaro con l’ennesima impresa in trasferta, grazie alla magistrale punizione di “Ciccio” Gelli a sei minuti dalla fine. Un risultato incredibile per la squadra bergamasca che nessuno pronosticava tra le pretendenti al salto di categoria ma che, partita dopo partita, ha trovato i meccanismi giusti per stupire.
I Seriani si affidano ad una difesa di sostanza, tosta e ben organizzata, per poi ripartire a velocità supersonica con i velocissimi esterni Tomaselli, Gusu o Petrungaro, con il capocannoniere del girone A Jacopo Manconi come terminale e finalizzatore della fase d’attacco (contro l’Alessandria però il bomber sconterà una giornata di squalifica). In fase di impostazione e sviluppo del gioco c’è la fantasia di Francesco Gelli e Carmine Giorgione, che assicurano un livello tecnico di categoria superiore a cui comunque abbinano una fase difensiva continua, così come desidera il mister, sempre molto attento a non concedere niente agli avversari. Insomma una squadra ben assortita, con un’idea precisa di gioco, in un periodo di forma eccellente, forse un po troppo sulla difensiva vista la qualità della rosa, ma in grado di giocare alla pari contro qualsiasi avversario. Delle quattro semifinaliste è l’unica ad aver partecipato a tutti i turni play off, eliminando prima il Pontedera e il Grosseto in gara secca, per poi sorprendere le due corazzate strafavorite Modena e Catanzaro, colpevoli di aver sottovalutato la pericolosità in campo esterno dei bergamaschi, dopo la gara di andata chiusa con risultati favorevoli.

Le semifinaliste

Saranno Alessandria, Albinoleffe, Avellino e Padova a giocarsi l’ultimo posto disponibile in Serie B, è questo il verdetto dopo le gare di ritorno del secondo turno della fase nazionale dei playoff. Si giocheranno l’andata e il ritorno (andata 6 giugno, ritorno 9 giugno) e in caso di parità dopo i 180′ non viene considerato il miglior piazzamento in campionato, ma verranno disputati supplementari ed eventualmente i rigori. Da notare che due delle quattro squadre provengono dal girone A, da quasi tutti considerato il girone più debole (sulla carta naturalmente!!!) che sarà quindi rappresentato in finale dalla vincente tra Albinoleffe-Alessandria, (potevano essere tre se il Renate non avesse dilapidato il vantaggio e le numerose occasioni fallite per un niente).

All’Alessandria vanno i favori del pronostico ma l’Albinoleffe è in forma strepitosa, senza pressioni esterne, ha una rosa giovane e di talento e può compiere il miracolo contro ogni pronostico!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *