ultime dal campo

Il quadro completo delle promosse in Serie C

Modena Pergolettese 1-2 spareggio serie D

Si è definito domenica al termine degli spareggi il quadro definitivo delle squadre promosse tra i professionisti, scopriamo insieme le 9 squadre promosse che parteciperanno alla Serie C 2019/2020.

GIRONE A:

La Regina del girone A è il Lecco che stra vince il raggruppamento lascandosi alle spalle la Sanremese creando una voragine di ben 27 punti di distanza, Lecco che ha già prolungato il contratto a mister Marco Gaburro che dunque dopo aver portato tra i Pro il Gozzano prima e il Lecco poi avrà la chance di giocarsi la Serie C proprio alla guida dei blucelesti.
Lecco che ha festeggiato la vittoria del campionato alla quintultima giornata dopo aver battuto a domicilio per 0-2 i piemontesi del Borgaro Nobis.

GIRONE B:

Nel girone B un vero e proprio girone di ferro vista la presenza di molte squadre fortiComo, Mantova, Rezzato e Pro Sesto solo per citarne alcunea spuntarla è stato il Como che dunque a distanza di due anni dall’ultima partecipazione che combacia con il fallimento torna a giocare il campionato di Serie C.
Qui il discorso promozione è stato molto più aperto visto che la lotta a due tra Como e Mantova è durata fino alla penultima giornata quando il Como schiantando per 4-0 la Virtus Bergamo vince il campionato approfittando del pareggio interno del Mantova per 2-2 contro il Sondrio portandosi a 4 punti di vantaggio.

GIRONE C:

La squadra vincente di questo girone è l’Arzignano Valchiampo, anche qui come nel girone B la lotta si è interrotta alla penultima giornata quando l’Arzignano battendo per 1-0 in casa l’Este mantiene a 4 punti di distanza l’Adriese e può festeggiare la prima storica promozione in Serie C.

GIRONE D:

Girone di ferro con due nobili decadute come Modena e Reggio AudaceEx Reggianama come spesso accade tra i due litiganti è il terzo che gode, infatti, a spuntarla è stata la Pergolettese del nostro ex Gullit allenata da Matteo Contini ex giocatore del Napoli tra le altre che subentrando in corsa a Ivan Del Prato è riuscito a riportare tra i Pro la Crema gialloblu, la festa è scoppiata domenica dopo che la Pergo ha battuto per 2-1 il Modena nello spareggio giocato in campo neutro allo stadio “Silvio Piola” di Novara dopo che entrambe le formazioni avevano chiuso il campionato a quota 73 punti, decisive le reti di Morellogiovane di grande prospettiva– e di Franchi, nel mezzo la rete del momentaneo pareggio modenese era stata frutto di uno sfortunato autogol da parte di Elia Bortoluz.
Pergolettese che dunque festeggia il ritorno tra i Pro dopo 5 anni di dilettantismo.

GIORNE E:

Girone equilibratissimo senza una vera e propria squadra a dominarlo, alla fine la vittoria del campionato è andata alla Pianese che battendo per 0-2 a domicilio il Seravezza Pozzi conserva il proprio punto di vantaggio sul Ponsacco e festeggia una clamorosa promozione in Serie C dato che l’obiettivo della società di Piancastagnaiopaese toscano che conta poco più di 4100 abitanti in provincia di Siena – è sempre stato quello della salvezza, una bellissima realtà che dunque l’anno prossimo si giocherà il campionato di Serie C.

GIRONE F:

In questo caso la favorita del girone ha rispettato le attese, stiamo parlando del Cesena nobile decaduta che appena un anno dopo il proprio fallimento è riuscita subito a centrare la promozione nel professionismo, vittoria del campionato che i romagnoli hanno potuto festeggiare solo all’ultima giornata dopo il pareggio esterno per 1-1 contro il Real Giulianova conservando così i 3 punti di vantaggio visto il contemporaneo pareggio del Matelica, formazione che comunque ha dato vita ad una splendida lotta promozione tenendo testa ad una formazione come quella romagnola che con il dilettantismo centra ben poco.

GIRONE G:

Altro girone ed altra entusiasmante lotta promozione, come nel caso del girone D anche in questo girone per decretare la promozione è stato necessario ricorrere allo spareggio visto che Avellino e Lanusei hanno entrambi terminato il campionato in testa a 83 punti.
Nello spareggio che si è giocato domenica al “Manlio Scopigno” di Rieti sono stati gli irpini ad avere la meglio sugli ogliastrini con il risultato di 2-0, decisive le reti di De Vena e Tribuzzi, l’Avellinocome nel caso citato prima del Cesenaha potuto festeggiare il ritorno tra i Pro dopo solo un anno dal proprio fallimento.

GIRONE H:

Situazione thriller in questo girone visto che l’AZ Picerno ha festeggiato matematicamente la promozione dopo lo 0-0 interno contro il Taranto e il pareggio esterno per 1-1 dell’Audace Cerignola sul campo del Granata, Taranto che però denuncia il Picerno per delle aggressioni subite dai propri calciatori – 3 per la precisione – da parte di un rappresentante della squadra locale all’intervallo della partita e che costano al Picerno 3 punti di penalizzazione che combaciando con la sconfitta per 3-1 dei lucani a Cerignola riducono a soli 3 punti il vantaggio sui pugliesi e rimettono in gioco la promozione all’ultima giornata.
Promozione del Picerno che alla fine arriva e può così ri-festeggiare dopo la vittoria interna per 3-2 sul Bitonto.

GIRONE I:

Veniamo all’ultimo girone, non per importanza ma semplicemente per ordine alfabetico, in questo girone la regina è stata La Bari come viene chiamata dai propri sostenitori, Bari anch’essa nobile decaduta che dopo il fallimento è stata prelevata dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentis che ha allestito una squadra che ha dominato il proprio girone con all’interno dei giocatori di categoria superiore, una rosa che sulla carta era indubbiamente tra le più forti della Serie D e che ha rispettato le attese vincendo il proprio girone e conquistando immediatamente la promozione in Serie C, la festa a Bari è iniziata dopo la vittoriosa trasferta nella terzultima giornata di Troina, match terminato 0-1, pugliesi che si sono lasciati alle spalle i campani della Turris distaccati di 9 punti al termine del campionato.

Il quadro completo delle promosse in Serie C ultima modifica: 2019-05-14T13:58:43+00:00 da Ivan Ferrari