ultime dal campo

Giana Erminio noiosa, la Fermana segna e controlla

3 Fermana Giana Erminio 1-0 serie C girone B

Una Giana Erminio noiosa, pasticciona e quasi inesistente non si era mai vista in questo inizio stagione, nemmeno in occasione della sconfitta di domenica con l’Imolese. Oggi, persino stoppare una palla sembrava un’impresa; d’accordo che il campo era in pessime condizioni, ma una prestazione così deludente nessuno se la sarebbe immaginata.

La Giana ha giocato con Leoni in porta, con la difesa a 3 Bonalumi-Montesano e Filippo Pirola (Perico in panchina),  a centrocampo Iovine, Pinto, Palma e Seck con Chiarello e Lunetta a supportare Perna. Rispetto alla partita con l’Imolese, Bertarelli ha rinunciato ad un attaccante puro puntando sulla velocità di Lunetta sulla fascia sinistra e Iovine sulla destra, con Chiarello a ridosso di Perna.
I Biancazzurri vanno subito sotto all’11’ alla prima occasione da rete, grazie anche ad una respinta deficitaria di Leoni, sorpreso dal tiro non irresistibile di Lupoli.
La partita si mette subito in salita con i padroni di casa che sembrano andare al doppio della velocità dei ragazzi di Bertarelli, attenti e ben chiusi in difesa, attuando un pressing costante in tutte le zone del campo. La Giana Erminio non riesce a ragionare e a sviluppare azioni di gioco, non riesce a costruire trame degne di nota, solo confusione e errori di controllo palla, di precisione nei passaggi e lanci lunghi all’unica punta. Basti pensare che per vedere il primo tiro nello specchio della porta si è dovuto attendere 89′ con Chiarello che colpisce troppo debolmente per sperare nel colpaccio dopo una partita inguardabile.

E’ evidente che non è certo questo il valore del nuovo gruppo, una partita storta può capitare a tutti. Quello che preoccupa è l’atteggiamento tenuto nei primi 75′ minuti di gioco, una squadra svuotata priva di reazione quasi rassegnata alla sconfitta. Differente invece la gestione dei 15′ minuti finali dove si è rivisto il carattere, la voglia di recuperare il risultato e una carica agonistica di chi cerca e vuole riprendere in mano il proprio destino. E’ questo che i tifosi si aspettano, poi si può anche perdere, ma dopo aver dato tutto ……

Nella consapevolezza che questa brutta partita rappresenti un episodio, la Giana Erminio avrà l’occasione per dimostrarlo nelle prossime due gare, entrambe da disputare allo Giana Stadium, prima contro la Sambenedettese e la domenica successiva contro il Rimini. E’ di fondamentale importanza ritrovare la prima vittoria in campionato, darebbe quel qualcosa in più dal punto di vista del morale e per una squadra rifondata con tredici nuovi elementi e uno staff quasi completamente nuovo, diventa indispensabile una pronta reazione di orgoglio per non finire nel tunnel della rincorsa affannosa per inseguire chi sta davanti.
Appuntamento quindi a domenica pomeriggio per riscrivere un nuovo capitolo della favola Biancazzurra.

Primo tempo

AS Giana Erminio 9’ la Giana guadagna una punizione un paio di metri fuori dal limite dell’area: Palma calcia in mezzo, ma la retroguardia di casa devia in corner.
Fermana FC 11’ la Fermana trova l’imbucata con Lupoli, servito ottimamente da Da Silva e dalla destra conclude a rete: Leoni è pronto a respingere, ma Cognini è lesto con il tap in ad infilare la palla alle spalle del portiere biancazzurro e portare in vantaggio i suoi.
AS Giana Erminio 17’ bella ripartenza della Giana con Lunetta, che con un traversone va a cercare Iovine dalla parte opposta del campo, ma il cross del numero 5 biancazzurro viene deviato in fallo laterale dalla difesa di casa.
Fermana FC 18′ infortunio di Soprano e primo cambio obbligato per mister Destro, che inserisce Sarzi Puttini al suo posto.
Fermana FC 36’ la Fermana guadagna un calcio di punizione dal limite dell’area: Da Silva va al tiro, ma la sua conclusione sbatte contro la barriera.
AS Giana Erminio 45’ punizione centrale per la Giana, Palma crossa in area per la testa di Bonalumi, ma la palla termina fuori.

Secondo tempo

AS Giana Erminio 51’ Chiarello dal limite prova la conclusione ma non trova lo specchio della porta.
AS Giana Erminio 54’ ci prova Palma che però conclude centralmente, Ginestra non ha problemi a parare.
Fermana FC 55′ bello scambio Giandonato-Lupoli che va alla conclusione, respinge Leoni e libera la difesa.
AS Giana Erminio 71’ Iovine s’inserisce sul’assist di Marzeglia ma la sua conclusione è fuori misura.
AS Giana Erminio 77’ ancora Marzeglia si fa vedere sul cross di Perico, il tiro termina sull’esterno della rete.
AS Giana Erminio 79’ Dalla Bona su punizione cerca Montesano sul secondo palo, il suo colpo di testa è alto sopra la traversa.
Fermana FC 85’ Giandonato conclude di pochissimo sopra la traversa.
Fermana FC 87′ la Fermana resta in 10, proprio per l’espulsione di Giandonato che rimedia il secondo giallo.
AS Giana Erminio 89’ la più grossa occasione per la Giana, con Chiarello che appena dentro l’area calcia di interno destro, ma Ginestra sfodera una gran parata e respinge.

FERMANA-GIANA ERMINIO 1 – 0

Fermana (3-4-1-2): Ginestra, Urbinati, Comotto, Soprano (dal 19’ pt Sarzi Puttini), Iotti, Scrosta, Clemente, Giandonato, Cognini (dal 1’ st Zerbo), Da Silva (dal 20’ st Misin), Lupoli (dal 20’ st D’Angelo, dal 42’ st Calzola). A disp: Marcantognini, Guerra, Maurizi, Malavolta, D’Angelo, Kacorri, Palumbo, Fofanà. Allenatore: Flavio Destro

Giana Erminio (3-4-2-1): Leoni, Pirola (dal 1’ st Perico), Bonalumi, Montesano; Iovine (dal 34’ st Mutton), Palma (dal 29’ st Dalla Bona), Pinto, Seck; Chiarello, Lunetta (dal 18’ st Marzeglia); Perna. A disp: Taliento, Rocchi, Sosio, Lanini, Mandelli, Capano, Piccoli, Rocco. Allenatore: Raul Bertarelli

Direttore di gara: Francesco Luciani di Roma 1. Assistenti: Giacomo Pompei Poentini di Pesaro e Paolo Massimo Maria Campogrande di Roma 1

Marcatori: Cognini 11’ pt,
Recupero: 5’ pt,
Angoli: 2-5
Ammoniti: Montesano 36’ pt, Giandonato 44’ pt, Ginestra 32’ st
Espulsi: 42’ st Giandonato (doppia ammonizione)
Spettatori: 700 circa.

Giana Erminio noiosa, la Fermana segna e controlla ultima modifica: 2018-09-27T11:34:43+00:00 da Francesco Inzitari