La Giana punta sui giovani, 12 under su 14 nuovi acquisti.

Oscar Brevi Giana
  • 21 Luglio 2021
  • Redazione
  • 0

E’ da poco iniziata la prima sessione di allenamento della nuova stagione agli ordini di mister Oscar Brevi e del suo nuovo staff, con una rosa attuale composta da 27 atleti, che punta decisamente sui giovani. Sono 14 i nuovi acquisti, 12 ragazzi nati dopo il primo gennaio 1999 più due uomini di esperienza, che si aggiungono alle conferme e ai rinnovi annunciati nei scorsi giorni:

Portieri
Nicolò Casagrande (2002)
Lorenzo Avogadri (2001)
Difensori
Antonio Magli (’91)
Giulio Magri (2001)
Lorenzo Caferri (’99)
Marco Carminati (’00)
Federico Gulinelli (’00)
Centrocampisti
Riccardo Scazzola (’85)
Christian Acella (2002)
Riccardo Vono (2000)
Simone Ferrari (’99)
Claudio Messaggi (2001)
Attaccante
Niccolò Corti (2001)
Andrea Tremolada (’99)

Conferme e rinnovi
Zanellati, Perico, Bonalumi, Barazzetta, Pirola, Pinto, Palazzolo, Greselin, Rossini, D’Ausilio, Perna, A. Corti, Ferrario.

Solo 13 giocatori riconfermati, mentre è addio definitivo per Marco Capano dopo sei stagioni e 91 presenze con la Giana. Tra gli svincolati c’è anche il “portierone” Paolo Acerbis (40 anni), il fantasista Dario Maltese, l’attaccante Pippo Di Maira, i difensori Nicola Madonna, Stefano Marchetti e Andrea Montesano (7 stagioni e oltre 200 presenze in Biancazzurro), mentre Daniele Dalla Bona si è definitivamente ritirato dal calcio giocato.

Ritornano alla base per fine prestito il difensore Davide Zugaro (Inter), l’attaccante Francesco Ruocco (Brescia), il centrocampista Sebastiano Finardi (Atalanta). Non si hanno notizie invece sul futuro di Vincent De Maria (’99), contratto scaduto al 30.06.21, mentre per Rossini si parla di cessione al Gubbio. La campagna acquisti non è ancora finita, si attende un colpo in attacco, dove si cerca una prima punta forte in fase area che dia profondità. Insomma una campagna acquisti adeguata agli attuali tempi dove a causa della pandemia il messaggio è quello di contenere i costi il più possibile e diametralmente attrezzare la squadra con tanti under per accedere ai contributi federali che danno ossigeno alla casse societarie.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *