Giana niente rimonta, a Gorgonzola festeggia il Baby Pontedera

  • 15 Novembre 2020
  • Ivan Ferrari
  • 0

Giana Erminio-Pontedera: 2-3

La Giana torna al “Città di Gorgonzola” dopo 3 lunghe settimane, ad attenderla c’è il Pontedera di mister Maraia.
Partita importante che vede mister Albèfesteggiare” le 200 panchine tra i professionisti tutte rigorosamente sulla panchina biancazzurra, a spuntarla peró sono gli ospiti con un rocambolesco 2-3 finale che lascia l’amaro in bocca alla squadra Gorgonzolese.

Cronaca:

Mister Albè sorprende tutti e schiera la sua Giana con il 4-3-1-2, rientra Marchetti al centro della difesa a far coppia con Bonalumi mentre in attacco Perna agisce alle spalle del tandem FerrarioRossini. Maraia risponde con il consueto 3-5-2 tanti gli Under tra le fila granata, ben 8, con i soli Barba, Caponi e Magrassi a “spezzare la linea verde” della formazione toscana.

Primo Tempo:

Partita che inizia con ritmi alti, il Pontedera pressa alto e preme sull’accelleratore, ma è della Giana il primo squillo, al 13Greselin raccoglie una corta respinta e calcia fuori sugli sviluppi di un calcio d’angolo, sembra un buon avvio ma, al 17’ pressione alta della Giana, Caponi spazza la palla, Magrassi ci crede, controlla e appoggia per Stanzani che calcia in diagonale sorprendendo Acerbis il quale non riesce a deviare un tiro non irresistibile e sigla lo 0-1 per gli ospiti.
Ci si attende una reazione dei padroni di casa che provano a prendere in mano la partita, ma al 21’ la pressione alta del Pontedera dà i suoi frutti, Barba strappa la palla a Greselin e serve Magrassi che a tu per tu con Acerbis piazza la palla all’incrocio dei pali, 0-2 che peró non atterra i biancazzurri che reagiscono subito e al 22’ vanno vicini alla rete che avrebbe riaperto la gara, Rossini sulla fascia mette al centro per Ferrario che arriva con un pizzico di ritardo sul pallone deviato poi in calcio d’angolo dal difensore ospite.
Da questo momento è la Giana a prendere in mano la partita che costruisce gioco ma non occasioni, fino al 32’ sul ribaltamento di fronte dopo un tiro alto di Benedetti, Perna imbecca Ferrario che controlla, salta il diretto avversario, calcia con il destro a botta sicura ma trova una super risposta di Sarri, la Giana preme e vuole il gol che riaprirebbe la contesa, al 34’ cross dalla destra aggancio e scarico di Ferrario, Perna calcia, respinta del difensore, sulla ribattuta si avventa Rossini che si fa murare il tiro sulla linea di porta, si crea un batti e ribatti ma incredibilmente la palla non entra.
Gorgonzola accellera e si sbilancia troppo, Pontedera punisce in contropiede, al 44’ con Stanzani che lancia lungo, Magrassi sorprende tutti, sportella con Marchetti e si ritrova di nuovo uno contro uno con Acerbis, tocco ad anticipare l’uscita dell’estremo difensore e palla in rete, doppietta personale del numero 9 granata e 0-3 shock dei toscani.
2 minuti di recupero concessi dal direttore di gara e la Giana torna a spingere nonostante il pesante passivo e viene premiata al 1’ di recupero, Greselin calcia direttamente una punizione dai 25 metri e batte Sarri per la rete dell’1-3 che riaccende le speranze.
Si conclude così la prima frazione di gioco.

Secondo Tempo

Cambia modulo e interpreti la Giana, si passa al 3-4-1-2 esce Marchetti ed entra De Maria, Zugaro agirà da terzo di sinistra e De Maria occuperà l’out mancino.
I padroni di casa spinti dalla voglia di recuperare partono forte e al 2’ si guadagnano una punizione, Maltese scodella al centro dell’area, colpo di testa di Bonalumi bloccato da Sarri, al 3Perna recupera palla sul vertice sinistro dell’area granata e crossa sul secondo palo dove sbuca Greselin che al volo calcia fuori.
Ritmi alti e all’8Albè si gioca le carte Corti e Capano al posto di Rossini e Greselin.
Spinta costante dei biancazzurri che inevitabilmente si sbilanciano ed al 13’ in contropiede gli ospiti provano a chiuderla, Perretta si invola, calcia incrociando ma trova la pronta risposta risposta di Acerbis, al 15’ angolo per i granata, palla respinta e tiro al volo che termina alto di Benedetti.
Albè vuole freschezza e al 16’ toglie Maltese e inserisce Finardi, mossa ripagata quando al 21Pinto e proprio Finardi scambiano a metà campo, incursione del capitano che allarga per De Maria, il quale, pennella per Ferrario che da vero numero 9 di testa insacca alle spalle dell’incolpevole Sarri, Gorgonzola in questo momento crede più che mai all’impresa, Maraia capisce il momento di sofferenza dei suoi e cambia, al 26’ fuori Benedetti per Catanese e fuori l’autore del momentaneo 0-1 Stanzani per Tommasini.
Spinta Giana, al 27’ discesa sulla destra di Corti che mette a rimorchio per Perna, debole però il destro del numero 10 biancazzurro.
Forcing finale al 40’ quinto angolo per i padroni di casa, sugli sviluppi raccoglie De Maria che calcia alto con il mancino.
Solo 3 i minuti di recupero concessi dal direttore di gara nonostante i cambi e le ripetute interruzioni di gioco, Pontedera che si difende bene dagli ultimi assalti biancazzurri ed espugna il “Comunale”.

Tabellino del match

Formazioni:

Giana Erminio (4-3-1-2): Acerbis; Perico, Bonalumi, Marchetti (Dal 1’ st De Maria), Zugaro; Greselin (dal 8’ st. Corti), Maltese (Dal 16’ st Finardi), Pinto; Perna; Rossini (dal 8’ st. Capano), Ferrario.
All. Albè
A disposizione: Zanellati, D’aniello, Barazzetta, Finardi, Benatti, Corti, De Maria, Capano, D’Ausilio, Marcandalli

Pontedera (3-5-2): Sarri; Pretato, Matteucci , Vaccaro; Perretta, Caponi, Benedetti (Dal 26’ st. Catanese), Barba, Benericetti (Dal 39’ st. Bardini); Stanzani (Dal 26’ st. Tommasini), Magrassi.
All. Maraia
A disposizione: Angeletti, Nicoli, Bardini, Faella, Pruneti, Tommasini, Catanese.

Direttore di Gara Sig. Gianluca Grasso di Ariano Irpino, assistenti Mario Pinna di Oristano e Andrea Zezza di Ostia Lido, quarto ufficiale Francesco Burlando di Genova.

Marcatori: Stanzani 17’ pt (P), Magrassi 21’ e 44’ pt (P), Greselin 45’+1’ pt (G) e Ferrario 21’ st (G)

Recupero: 2’ pt ; 3’ st

Angoli: 5-3

Cartellini:
Ammoniti: Rossini (G), Maltese (G), Benericetti (P)
Espulsi: Nessuno

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *